È più forte di me

[La schiuma dei giorni], Boris Vian


Epidermicamente parlando, un libro dove l'autore dedica a se stesso ciò che scrive, mi darebbe un po' noia. L'autoreferenzialità è già fastidiosa di per sé. Figuriamoci se si tratta dell'esergo di un libro. Ma quella virgola, e quel "ciccino mio", quell'epiteto vezzoso che stempera in modo così soffice la vanità supposta, boh, io non riesco proprio a resistergli. Mi piace tantissimo.

È più forte di me, giuro.


7 commenti:

  1. Io non vorrei crepare, prima di riuscirmi a dedicare un libro :)

    RispondiElimina
  2. Ahahah, quello neanche io. Non mi dedico neanche il mio diario segreto. Al massimo metto un pensierino per il vicino di casa (quello stronzo,ovvio) :D

    RispondiElimina
  3. Lessi “La schiuma dei giorni”diversi anni fa. Mi è rimasto solo un ricordo vagamente delirante. La dedica dice tutto.

    RispondiElimina
  4. In realtà prima devo finire qualche altro libro, ma intanto ne assaggio un po'. :)

    RispondiElimina
  5. Io lo dico, se nessuno mi dedica qualcosa, allora io mi auto-dedico la mia stessa tesi di laurea. Oh

    Comunque, pensavo giusto non far mancare uno dei miei commenti piu' superficiali :P

    RispondiElimina
  6. Non ti preoccupare: la primavera si avvicina, la frivolezza è d'obbligo (soprattutto sul mio blog) :D

    RispondiElimina