Pensieri retrò

Benché mi sia spesso ritrovata a dire che un film non è all'altezza del libro da cui prende spunto, vorrei chiarire che io non ho nulla contro le trasposizioni cinematografiche.

Innanzitutto non sono una di quelle fanatiche che per carità, la fedeltà prima di ogni cosa. Ci sono registi che pur rielaborando in modo personale la fonte letteraria, sono riusciti a creare piccoli gioielli (basti ricordare il binomio Truffaut - Roché , ma anche L'anno scorso a Marienbad di Resnais, o  La nobildonna e il duca di Rohmer, e tanti altri).

In secondo luogo sono convinta che le trasposizioni, a prescindere dalla loro riuscita, aiutino a diffondere la cultura (mai viste così tante adolescenti con in mano Maupassant come quando è uscito al cinema Bel Ami)

Detto questo, veniamo al punto: a fine Novembre uscirà nelle sale inglesi Grandi Speranze, l'adattamento dell'omonimo libro di Dickens di cui a suo tempo parlai qui.

Sono certa che alla fine questo film lo vedrò. Così come ho visto Oliver Twist.

Ma penso che non riuscirà a prendermi il cuore come la trasposizione del 1946 di David Lean, così come il Twist di Polanski non m'aveva preso come quello del '48, sempre di Lean.

E penso anche che sarò scettica riguardo la virata thrilleriana che Nicholls intende dare alla storia.

Come del resto, penso che l'unica faccia che riesco a collegare a Pip sia quella di John Mills, che se non fosse che non è proprio possibile, direi che è il padre di Robert Downey jr.

John Mills
E penso che il buon Joe di adesso, non avrà la stessa umanità di quello di allora.

E penso che il magrissimo Pocket, difficilmente riuscirà a starmi simpatico come il dinoccolato e giovanissimo Alec Guinness.

E penso che l'incipit gotico della pellicola del '46, reso con strumenti caserecci quali l'ombra sinistra di una croce conficcata nel terreno, un po' di nebbia, una lapide, e il bianco e nero, non abbia nulla da invidiare agli effetti speciali che incanteranno tanto gli adolescenti di adesso.

E penso che la morte di Magwitch non sarà così commovente come quella interpretata da Finlay Currie.

Penso infine, che sono molto "antica" a pensare tutto questo, e che il mio animo conservatore è radicato più in fondo di quanto non crediate.

Ma penso anche, che a Natale frotte di adolescenti in piena tempesta ormonale, si faranno regalare il libro di Dickens sognando ad occhi aperti Jeremy Irvine, che a me fa tanto Pattinson un po' meno spigoloso. Un melting pot culturale che non so quanto mi andrà a genio.

Che tristezza!!

 Proprio un post da Lunedì mattina.

Questo penso io.


12 commenti:

  1. Ho sempre amato il cinema, ma mi rendo conto che non ne so quasi niente, leggendo i tuoi post.
    Ti ammiro immensamente. Ho persino visto quel grande attore che per me è stato Alec Guiness, giovanissimo...
    Mi sono iscritta al tuo canale You Yube, perché è davvero un gioiello.
    Grazie Noce Moscata e complimenti di cuore!
    Lara

    RispondiElimina
  2. di sicuro lui diventerà un campione di taekwondo o di full contact (anche se siamo nell'800,una scusa la trovano), mentre la protagonista sarà espertissima di armi e molto energica e farà a cazzottoni con tutti, stendendoli al primo colpo (anche se pesa 40 kg, che importa). E, di sicuro, toglieranno da Dickens tutta la parte politica.
    (chi è il regista? forse Polanski avrebbe potuto farne qualcosa di discreto...)

    RispondiElimina
  3. @Lara: ne so molto meno di quanto vorrei. Piuttosto ho il culto di vedere le cose milioni di volte, infatti i film alla fine li vedo da sola, perché altrimenti i malcapitati che guardano con me si scocciano. :D E comunque sono lieta di averti anche su YouTube :)

    @Giuliano, vero cultore del cinema (altro che me!): di sicuro il film avrà un impennata da super eroi, con personaggi dalle doti talmente esagerate che diventeranno caricaturali (ho già visto il trucco della Bonham Carter-Miss Havisham che sembra un mix tra la sposa cadavere e la moglie di Frankenstein, cioè una cosa lontana un miglio dal personaggio della vecchia amareggiata dalla vita e instabile mentalmente).Comunque il regista è Newell, che non posso relegare tra i reietti della mia personale classifica, se non altro per via di Donnie Brasco e di Traffic. Poi, non credo di aver visto molto altro di suo.

    RispondiElimina
  4. Concordo.
    Sprrattutto sull'espressività del pseudo Pattinson smussato.

    RispondiElimina
  5. Gioiuzza l'hai visto il film? Vero che è bellissimo? *_*

    RispondiElimina
  6. Nocetta, non lo vidi. Ma prometto che lo cerco, mi hai invogliata, come sempre. Mai pensato di fare qualche mestiere americano-assurdo, tipo "la motivatrice"?

    RispondiElimina
  7. Eh sì. Credo che non dimenticherò mai il Fagin di David Lean. Il bianco e nero era una gran cosa, nel cinema come nella fotografia.

    RispondiElimina
  8. @Gioia: ahaha, sai che i miei amici mi chiamano proprio la DEMOTIVATRICE? Smonto qualsiasi idea e progetto propongano, sono una palla che non ti dico :D

    @Bamborino: Fagin era favoloso, e i truccatori pure. Il passaggio dal Guinness di Grandi Speranze a quello di Fagin, ha del miracoloso :)

    RispondiElimina
  9. Come condivido i tuoi gusti cara amica mia!
    Io che tiro spesso notte fonda , per rivedere qualche film in bianco e nero con attori indimenticabili, che ci legano perdutamente ai loro personaggi e troviamo arduo il rimpiazzarli.
    Non sono anch'io contraria alle trasposizioni cinematografiche. Ne troviamo delle ottime e delle pessime come in tutte le cose.
    Altra cosa sono i remake , per me mai all'altezza dell'originale!
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
  10. Da poco mi hanno chiesto di stilare una lista dei miei film preferiti. Dopo averla fatta, una persona mi ha chiesto: Sì ma Noce, qualcosa dell'ultimo ventennio? :D

    E niente, ho sbagliato epoca in cui vivere :D

    RispondiElimina
  11. mììììììì! anche le minacce!!! demotivatrice nn so chi te l'abbia coniato ma è proprio carino. questo blog, invece, è una vera chicca. e prima o poi ti cercherò anche su youtube.
    sono anch'io molto antica,che ci dobbiamo fare;)

    RispondiElimina
  12. Siamo vintage dentro Cristina!!! :D

    RispondiElimina