La qualità di contenuti spiegata dal mio uomo



Ma tu preferisci giocare una partita di calcetto dove vengono a vederti tutti i tuoi 350mila amici, oppure andare alle Olimpiadi, dove se sei fortunata vengono a vederti solo mamma e papà?

(No, io preferisco te, che inventi sempre metafore che siano alla portata della tua fidanzata, blogger insicura e lagnosa per definizione)

13 commenti:

  1. Come dire...maschilmente pragmatico! :)

    RispondiElimina
  2. Prima o poi inizierò una nuova rubrica sulle metafore del fidanzato. Alcune le trovo geniali. Proprio perché a me manca quel pragmatismo maschile. Infatti io sono l'opposto. Dispersiva e macchinosa anche per le cose più semplici. Magia della compensazione :)

    RispondiElimina
  3. Sì Giuliano, non pensavo potesse essere così chiaro. Bravo!

    RispondiElimina
  4. mah, io ne avevo uno da 600 visite al giorno e l'ho chiuso. C'è ancora, ma per pochi invitati: vuoi un invito? (è sul cinema, ma di quelli difficili)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh, cosa credi, che non l'avessi già notato il tuo blog sul cinema? E avevo anche arguito che fosse un cinema di nicchia, di quelli che ti fan venire l'ansia da prestazione, perché vorresti commentare qualcosa di intelligente ma non ti viene :D (Che poi l'ansia mi viene anche sul tuo, infatti se guardi a sinistra tu sei nella categoria "Per uscire dalla somaraggine" :D) Comunque se ti fa piacere una lettrice dietro le quinte in più, invitami pure. Sono sicura imparerei un sacco di cose nuove :)

      Più che altro penso alla dietrologia di un post. Sebbene il mio blog non rientri nel novero dei blog di spessore, io comunque ci penso un sacco prima di scrivere. Non tanto alla forma, ché quella mi viene mentre scrivo, quanto proprio all'idea; mi rendo conto che sono tutti post meditatissimi alla fine, che sia la minchiata del giorno o la cosa seria. E allora guardandomi un po' in giro mi viene da pensare che in realtà per farsi lo sciame di accoliti basti molto meno. C'è anche da dire che quando uno ne sente il bisogno, non sta lì a guardare chi c'è e chi non c'è. Se fosse un blog privato, forse sarei più sciolta nella quantità di idee scritte, ma alla fine per scrivere, scriverei comunque. Però non so, i riconoscimenti sono come la polizza assicurativa, ogni tanto vanno rinnovati. :)

      Elimina
  5. le immagini sono il "segreto" per avere tanti lettori. Vengono, si prendono le immagini, non leggono neanche una riga: lo faccio anch'io... Per esempio, mi è venuto da sorridere quando ho letto del successo di Tumblr: i blog su Tumblr sono tutti di immagini, foto, qualcuno anche ai limiti del porno... Non si fa fatica, arriva un sacco di gente, et voilà.
    Poi c'è qualcuno che lavora bene anche tra i blogger di Tumblr, sia ben chiaro!
    Credo che il vero nodo sia questo: pensi di farci dei soldi?
    Io sono abbastanza vecchio per guardare a queste cose con distacco, e non mi ero mai fatto illusioni nemmeno prima: già quarant'anni fa comperavo i libri nelle librerie dei Remainders, c'erano pile di libri di autori famosi e celebrati, anche recenti, anche usciti da poco, tutti a metà prezzo o anche al 75% di sconto...Con i blog e con facebook o twitter è più o meno la stessa cosa: fai un milione di visitatori, ok, ma quanti pagherebbero un centesimo per venirti a leggere?
    La realtà è questa, poi c'è anche a chi va bene, può capitare.
    Comunque sia,
    :-)
    1) don't panic
    2) hai una mail a cui posso mandarti l'invito?
    3) diventa sempre più difficile dimostrare che non sono un robot! Non è che invece di digitare parole illeggibili posso mandare un filmato dove mi faccio la barba?

    RispondiElimina
  6. Ahahaah, il Tumblr di sole immagini (degli altri) ce l'ho anche io. Lo uso come archivio sterminato di tutto ciò che mi piace. Ma infatti non lo definisco neanche più blog, ma quasi un'appendice del mio pc, ci conservo, ci scarabocchio eccetera. Poi, dato che però Tumblr ha una grafica molto più allettante di Blogger lo uso anche per tutte le pagine serventi a questo blog.

    Per quanto riguarda il fine ultimo del mio blog, di sicuro non ho nessuna velleità di tipo né artistico né lucrativo, quindi in fin dei conti l'importante è che chi segue lo faccia in modo interessato. A me basterebbe :)

    Questa storia dei captcha irrita pure me, mò la levo già che me l'hai ricordato.

    RispondiElimina
  7. fatto. spero che funzioni tutto!
    purtroppo in questi giorni il browser ha litigato con il sito telecom, non si parlano, altrimenti ti avrei mandato sulla mail indicata sul mio profilo Blogger...(ma se loro due litigano, io cosa c'entro??)
    :-)

    RispondiElimina
  8. Funziona tutto benissimo, grazie ancora :)

    RispondiElimina