Amore e matematica









"Allora qui" dice Vaclav, indirizzando lo sguardo di Lena sul primo problema "ti chiede quante volte sta il due nel seicentoventisette".
"Cosa vuol dire 'sta" vuole sapere Lena.
"Vuol dire quanti due ci sono nel seicentoventisette" le spiega Vaclav.
"Uno" dice Lena indicando il due del seicentoventisette.
"No, è così: tu sei uno, io sono uno, insieme siamo due ok?"
"Da" dice Lena.
"Noi due insieme siamo VacLena, una cosa sola. Ma occupiamo due spazi.. due sedie" dice Vaclav, formulando mentalmente la spiegazione. "Se ci sono seicentoventisette sedie, quanti VacLena possono sedersi?"
"Non so".
"Ricordati che ogni VacLena ha bisogno di due sedie e non possono separarsi."
"Perché non possono?"
"Perché no", risponde Vaclav, "perché se no c'è il resto, che è la prossima cosa che faremo."
"Cosa vuol dire 'resto'?"
"Il resto è quando dividiamo VacLena e rimane, mettiamo un solo posto.. una sola sedia. Allora c'è o solo Vaclav o solo Lena."
"E questo è impossibile" conclude Lena.






Nessun commento:

Posta un commento