Fai felice un bambino. Adotta anche tu una favola di Rodari.


Se c’è una persona a cui avrei fatto vedere “Il favoloso mondo di Amelie”, certa che sarebbe entrata pienamente nello spirito giusto, quella è proprio Gianni Rodari.

Potrei metterci la mano sul fuoco, che se in casa sua avesse ritrovato una scatola di vecchi ricordi nascosta dietro una piastrella del bagno, avrebbe fatto la stessa cosa di Amelie. Ma prima di riconsegnarla dopo lunga ricerca al proprietario, probabilmente l’avrebbe trasformata in una favola da raccontare a un bambino.

Oh Gianni! Sei stato la colonna sonora della mia infanzia.  E quando sognavo le tue storie non sapevo neanche chi fossi. Crescendo non ti ho dimenticato,  e adesso che ho anni di gavetta alle spalle, a volte riesco a riconoscere le persone che come me son diventate adulte tenendo per mano il bambino che è nascosto dentro di noi.



(Coloro che volessero prestarmi un bambino per insegnargli l’unica tabellina del tre che vanta numerosi tentativi d’imitazioni, peraltro senza successo, sono pregati di rivolgersi al mio cane tutto-fare. Lo potete trovare all’angolo di ogni tabacchino che vende biglietti per l’Osso-bus. Aut min rich, scade il 31/12/9999, può avere effetti collateralibianti, non somministrare sopra i 300 anni, può provocare diarrembaggio.)

Nessun commento:

Posta un commento